• Lorenzo Provinciali

Aumentare il fatturato o il profitto - consigli

Aggiornato il: apr 24

Per molti imprenditori l’obiettivo unico della propria impresa è aumentare il fatturato a qualunque costo. Quanto spesso si sente questa frase in azienda?


Ma è proprio la dicitura “a qualunque costo” la ragione dei mali dell’azienda, aumentare il fatturato non vuole dire necessariamente guadagnare di più e men che meno equivale a voler dire fare maggiori profitti. Il fatturato è quanto un’azienda fattura ogni mese ogni anno, ma per capire il reale profitto è necessario sottrarre i costi. Se il fatturato aumenta ma aumentano anche i costi bisogna vedere, nulla è scontato.

E’ il profitto quello che bisogna guardare, sempre.


L’ideale è proprio tenere sotto controllo il rapporto tra quanto effettivamente fatturato e i costi per ottenere quel risultato, la marginalità nel caso l’azienda si occupi di rivendere i prodotti di terzi. Per questa operazione è indispensabile rivolgersi ad un valido commercialista

Molti imprenditori non avendo molta fantasia puntano tutto sull’offerta di sconti ai clienti, ritenendo così di sviluppare un incremento delle vendite e di conseguenza generare un aumento inevitabile del fatturato. Niente di più errato, se l’impresa è abbastanza forte da minimizzare i costi o ha ampie marginalità e poca concorrenza ha senso percorrere questa strategia oppure seguirla in determinati periodi es. saldi di inizio anno. Se invece non ci sono grandi marginalità per farlo o c’è tanta concorrenza, questa opzione è dannosa tanto per la propria impresa che per il mercato stesso. Certo si potrebbe aprire un dibattito sulla legge della domanda e dell’offerta, ma più realisticamente quello che avviene è un’erosione dei propri profitti sul lungo termine perché semplicemente si potranno aumentare le compravendite ma per un valore inferiore, senza magari controllare i costi e con la possibilità tutt’altro che remota che a un certo punto le vendite diminuiscano per qualsivoglia motivo e a quel punto succede che à meno compravendite e di valore inferiore. A tutto ciò bisogna aggiungere il ruolo svolto dalla concorrenza, abbassare i prezzi o aumentare gli sconti non è certo una strategia originale possono adottarla tutti, con la conseguenza di svendere i propri beni e servizi, a favore dei clienti/consumatori che attraverso gli strumenti e soluzioni proposte dal mercato digitale confronteranno i prezzi scegliendo quello più conveniente. Ed è esattamente così se non ci si differenzia l’unica discriminate è solo il prezzo.


Ecco alcuni consigli per provare ad aumentare il profitto con metodo, differenziandosi dalla concorrenza:


doveroso specificare che la mera applicazione di questi suggerimenti non garantisce dall’oggi al domani l’aumento dei profitti è un progetto che va sul lungo periodo, ma prima o poi bisogna iniziare, al giorno d’oggi c’è troppo offerta di tutto se non ci si differenzia è come giocare alla roulette russa.


1) Ridurre gli sconti: come già spiegato gli sconti e abbassamenti di prezzo se non per limitati periodi di tempo sono solo dannosi, bisogna pian piano cercare di ridurli il più possibile facendo comprendere alla clientela che il prodotto o servizio che si propone ha un valore e non si può sminuire. Dietro ad ogni prezzo c’è un lavoro, una persona che deve trarre un guadagno da quel lavoro altrimenti è la motivazione a scendere e con essa inevitabilmente la qualità stessa di quanto si offre. È un circolo vizioso. Non si dice al contrario di aumentare i prezzi ma dare un giusto prezzo è una condizione essenziale per un’offerta di prodotti o servizi che faccia crescere l’azienda in maniera sana.

2) Aumentare e migliorare la forza vendita: è vero aumentare la forza vendita e di conseguenza dover versare stipendi o provvigioni rappresenta un costo, ma una forza vendita di qualità e un buon numero consentono di moltiplicare per forza di cosa le vendite, raggiungere clienti che non si sarebbero serviti, ridurre gli sforzi per concludere vendite e poterli impiegare in altre attività con conseguente miglioramento del funzionamento dell’azienda stessa. In ultimo e non per importanza il rapporto che creano agenti o venditori è molto confidenziale con i clienti e permettono di avere informazioni sugli stessi. Il che è estremamente positivo in ambito marketing

3) investire sul marketing: per tale intendendosi il processo che tramite un approfondito studio della domanda, ha il fine di individuare i bisogni e le richieste dei clienti sul mercato e di conseguenza prevedere le azioni idonee per soddisfarli. Inutile girarci attorno, un’attività di maketing ben fatta è essenziale per personalizzare offerte e proposte, renderle su misura, conoscere le preferenze dei propri clienti e puntare sui prodotti che ne rispecchiano la necessità. Si acquisisce una marcia in più. Si rimanda all’apposito articolo sulla pubblicità online

4) investire in tecnologie: quali sono le nuove tecnologie un sondaggio condotto su 215 manager di realtà industriali, finanziarie e tecnologiche, il 'Bdo European Survey: Ensuring a leadership position in 2025', aveva l’obiettivo di evidenziare le strategie che si prefiggono di adottare le imprese per rispondere alle oscillazioni e incertezze del mercato. Un numero maggiore del 35% degli intervistati riteneva di essere in procinto di progettare strategie atte a accrescere le rispettive quote di mercato. La crescita, sostenevano, che sarà è possibile se incoraggiata da adeguati investimenti in tecnologie, innovazione e sviluppo tanto sul prodotto che sul talento, risorse imprescindibili per guidare il rilancio delle proprie aziende.



Se l’articolo ti è piaciuto o lo reputi interessante condividilo sui social.


CONSULENZA CONSIGLIATA


Oppure contatta l’autore per ulteriori informazioni o per una prima consulenza gratuita sulla tua attività

Autore dell' articolo

Lorenzo Provinciali - consulente commerciale aziendale esperto di marketing e nuove tecnologie

Email: info@merlinoconsulting.com

Skype: merlino871

Tel: +39 - 090 - 675478

Indirizzo: Via Nicola Fabrizi 121,
Messina, 98123, Italia

©2019 by Studiomerlino.